Agli hacker più ingegnosi basta una ventola

0

Se ne inventano una più del diavolo. Stiamo parlando degli hacker, quei simpaticoni che ci possono sottrarre dati dal PC nei modi più ingegnosi possibile. La credenza diffusa è che disattivando la connessione internet ci mettiamo al sicuro dai malintenzionati ma, la realtà è ben più complessa di come ce la possiamo immaginare e se un hacker è davvero determinato potrà accedere al nostro sistema anche senza una connessione attiva.

La ventola è nostra amica?

In questo caso  il nostro amico hacker può inserirsi nel sistema servendosi di un malware e di un ingegnoso trucco che sfrutta le ventole. Si, quei piccoli ventilatori che dissipano il calore in eccesso. Tutto ciò è stato dimostrato dall’Università degli Studi di Ben Gurion, una delle principali di Israele.

Tutto comincia con una probabilità

Partiamo da un presupposto ipotetico: pare che con buona probabilità se lasciamo un pendrive in giro per la città, esso finirà per essere inserito in un PC. Se in quel pendrive è installato il malware chiamato Fansmitter allora con probabilità maggiore avremo il PC infettato.

Come funziona?

Il malware costringe la ventola a muoversi secondo uno schema ben preciso e a trasmettere in questo modo una sorta di codice morse che può essere captato da uno smartphone che si trova entro una decina di metri dal terminale. Lo smartphone, infettato a sua volta, trasmetterà il messaggio in rete appena possibile e così l’hacker avrà ottenuto ciò che voleva. Certo, è un sistema molto articolato e lento (la velocità di trasmissione si attesta intorno ai 900 bit per ora) e forse sembrerebbe più adatto a un film di spionaggio che ad una situazione reale ma i tecnici di Ben Gurion sono riusciti a dimostrare che il tutto è sufficiente per trasmettere messaggi brevi ma importanti come una chiave di rete o una password.

Non solo le ventole

Altri metodi simili sfruttano gli altoparlanti del sistema per trasmettere ultrasuoni oppure riescono a interferire con i suoni ad alta frequenza emessi dai componenti elettronici durante il normale funzionamento. In poche parole volere è potere. Non c’è granché da stare tranquilli.

Entra sul canale Telegram !