Chiude Friends Reunited, l’antenato di Facebook

0

Nell’internet di oggi dire social network significa in qualche modo riferirsi a Facebook ma nel passato ciò non era automatico, specie all’inizio degli anni 2000 quando il web era ancora un mondo dalle possibilità inesplorate per gran parte e il massimo dell’esperienza social era rappresentato dalle chat. A quei tempi però nacquero parecchi progetti che diedero il via al settore e che hanno portano oggi al duopolio Facebook – Twitter: uno di questi si chiamava Friends Reunited e in questi giorni, dopo 16 anni di esistenza, verrà chiuso.

La storia di Friends Reunited è così commovente e interessante da poterci dedicare un film (basta che non sia il solito polpettone autocelebrante in stile Jobs) e chiarisce quanto l’idea di un giovane programmatore abbia fatto nascere un intero settore che oggi rappresenta la quasi totalità dell’esperienza su internet per molte persone. A onor di cronaca devo dire che l’idea di un servizio che permettesse a due persone di comunicare attivamente tramite il web venne alla moglie del suddetto programmatore. Bastò un’idea buttata lì per caso della consorte e Stephen Punkhurst si mise al lavoro creando Friends Reunited.

Sostanzialmente il funzionamento di Friends Reunited era molto semplice ovvero cercare e mettersi in contatto con amici di vecchia data e dopo pochi mesi, nell’estate del 2001, gli utenti che utilizzavano il servizio erano addirittura 15 milioni: un successo.

Oggi però Facebook ha fagocitato l’interesse generale del settore social e Friends Reunited è diventato una specie di dinosauro del settore per cui Pankhurst ha deciso di mettervi fine chiudendolo definitivamente per concentrare, però, le forze su un nuovo servizio di social networking che si chiamerà Liife e sul quale sta mantenendo il più assoluto riserbo.

Entra sul canale Telegram !