Dark Web: attenzione al lato oscuro del Deep Web

0

Tutte le volte che sento parlare o leggo qualcosa riguardante il Deep Web mi vengono in mente tutta una serie di film in cui gente affaccendata dietro una tastiera procura grossi grattacapi e pericolosi contrattempi ad altre persone. Ora, che il Deep Web sia una porzione potenzialmente pericolosa del web lo sappiamo già, soprattutto per quelli di noi che lo navigherebbero più per curiosità che per altro. Che dire allora del Dark Web?

Dark Web, il lato oscuro del Deep Web

Numeri alla mano, il Web che noi conosciamo e navighiamo tutti i giorni ammonta al 15% sul complessivo di materiale presente in rete. Il restante 85% è proprio il Deep Web dove si può trovare di tutto e navigare in modalità più o meno anonima (dipende da quanto siete bravi) poiché si sfruttano dei server particolari che i normali motori di ricerca non riescono a rilevare. All’interno del Deep Web, nelle sue profondità, risiede il Dark Web, la parte più oscura.

Un posto molto poco piacevole

Alle sue origini pensato per proteggere preziose informazioni militari ma poi progressivamente abbandonato a se stesso, il Dark Web è un luogo virtuale in cui si naviga in totale anonimato e per essere rintracciati, se non si fanno errori grossolani, le autorità ci impiegano parecchio tempo. Tempo che si trascorre in una specie di malebolge di memoria dantesca pieno zeppo di ogni sorta di attività dal poco legale al totalmente illegale. Si possono assoldare assassini, per dirne una, o anche accedere a liste di snuff movies, una particolare tipologia di film per stomaci fortissimi e moralità inesistente.

La mappatura della rete oscura

Un gruppo di ricercatori informatici del MIT statunitense, coordinati e diretti dal professor Carlo Ratti, è riuscito nell’impresa di mappare il Dark Web scoprendo che in realtà di rete (in inglese web) c’è n’è molto poca visto che è totalmente assente lo schema di interconnessioni tra i siti che fa di Internet quello che è. La pericolosità del Dark Web, secondo questo studio, sta nel fatto di essere difficilmente accessibile e di usare dei software che alterano il funzionamento di servizi tipicamente innocui come il GPS trasformandoli in un’arma in mano a terroristi e fanatici.

Entra sul canale Telegram !