FitBit Blaze: un po’ smartwatch un po’smartband

Se c’è un marchio che si sta muovendo benissimo nel segmento delle tecnologie indossabili è FitBit. L’azienda ha preso il volo partendo da modelli semplici e adesso si presenta con uno schieramento di indossabili da far invidia ai competitor molto più blasonati. L’ultimo arrivato è FitBit Blaze e si colloca a metà strada tra una smartband e uno smartwatch.

FitBit Blaze è dedicato agli sportivi ma non solo. La livrea molto elegante e le funzionalità lo portano ad essere un indossabile molto equilibrato e destinato a un ampio pubblico. Partiamo dalla cassa in acciaio e dal cinturino in elastomero che possiamo cambiare scegliendo tra una gamma sconfinata e fin qui tutto nella norma. Lo schermo GorillaGlass 3 a colori da 1.66 pollici LCD touch permette di passare da una modalità di riferimento (sport) all’altra (ricezione notifiche) con un semplice swipe mentre la navigazione tra i menù è gestita da due tasti funzione.

Per quanto riguarda le possibilità di FitBit Blaze abbiamo la rilevazione dei parametri mediante un sistema accurato di sensori in cui spiccano l’accelerometro a 3 assi, il giroscopio, l’altimetro e il sensore per la frequenza cardiaca. Il sensore di luce ambientale regola la visualizzazione dello schermo mentre grazie  al motore interno a vibrazione sarà possibile ricevere notifiche silenziose e rendere il monitoraggio del sonno ancora più accurato.

FitBit Blaze pecca in quando a GPS, non è presente il sensore, e a impermeabilità, non lo usate al mare o in piscina sennò o avrete distrutto, e si configura in pochi secondi grazie al Bluetooth a basso consumo energetico con l’app FitBit presente sullo smartphone.

Il prezzo di FitBit Blaze, al netto di offerte, si aggira intorno ai 230€. Dopo aver battuto miseramente Pebble Time, la sfida ad Apple Watch è lanciata.

Entra sul canale Telegram !

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.