Gmail aggiunge il machine learning: email più sicure

0

Google Gmail si prepara ad un salto di qualità: dopo aver testimoniato ad un attacco alla popolare suite di scrittura Google Docs, vittima di un phishing piuttosto sofisticato, le Google Apps aprono al machine learning, pronto ad identificare la grande maggioranza (99,9%) di spam e attacchi remoti via mail fraudolente.

Google Gmail, un’evoluzione inarrestabile

Secondo Big G, circa il 50-70% delle mail complessivamente inviate e ricevute è costituita da spam, di cui una buona parte ingannevole e particolarmente pericoloso per le credenziali dell’utente, che spesso e volentieri clicca ignaro sui contenuti e i link presentati dalla mail spam. Il machine learning consente ora a Gmail di analizzare i contenuti scritti dei messaggi e di correlarli a minacce già esistenti, così come di individuarne di nuove in base all’analisi semantica del testo.

Il futuro di Gmail è nell’analisi dei testi

L’algoritmo implementato permetterà la comparsa di alert in tempo reale, in modo da aiutare l’utente a non cadere trappola di URL fake e siti dal discutibile contenuto: il rollout è già iniziato, ed ovviamente, essendo una modifica lato server, gli utenti non dovranno scaricare aggiornamenti. Potremo scoprire ben presto se le nuove misure precauzionali di Big G funzioneranno a dovere.

Entra sul canale Telegram !