Google Activity Recognition Transition API: ecco come i Pixel 2 riconoscono i movimenti dell’utente

Google ha recentemente scelto di aprire ai developer i codici sorgenti dell’Activity Recognition Transition API, la quale non è altro che il nucleo del software al centro della Do Not Disturb Mode dei celebri Google Pixel 2. Si tratta di una funzione essenziale per gli utenti che desiderano non essere disturbati quando sono impegnati in altre attività, specialmente quando si trovano all’interno di mezzi in movimento: lo smartphone riconosce in maniera intelligente lo stato di quiete o moto del suo possessore.

Google Activity Recognition Transition API: come evolve la modalità “Non disturbare”

Articoli simili

L’API in questione è in grado di elaborare gli input ricevuti dai sensori di moto del dispositivo, grazie ad algoritmi di machine learning capaci di distinguere lo stato di quiete dell’utente garantendo comunque un risparmio energetico degno di tale nome, a differenza di molte soluzioni di terze parti in grado di causare un vero e proprio battery drain.

Ora che l’API è open source, di certo l’interazione ‘fisica’ tra app e utente Android permetterà nuovi risvolti, alcuni di essi probabilmente sorprendenti, soprattutto in ambito AR e VR.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Entra sul canale Telegram !

Commenta questa News :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato.