Google Backup and Sync si aggiorna con supporto a NAS e nuovi metadati

E’ trascorso circa un anno dalla prima release di Google Backup and Sync, la soluzione proposta da Big G a tutti gli utenti alla ricerca di un software per la sincronizzazione ed il backup di file veloce e puntuale. Purtroppo, la prima versione dell’applicazione non si è rivelata fin da principio così efficiente; tuttavia Google ha continuato ad evolverla fino a rimpiazzare il “vecchio” client per Google Drive, correggendo alcuni evidenti bug e aggiungendo nuove funzioni.

Si giunge così all’attuale Google Backup and Sync, arrivato alla versione 3.39 ed ora finalmente compatibile con i sistemi di storage di rete NAS, il supporto ai metadata tipici di Apple Photos ed i file provenienti dalle applicazioni Microsoft e Adobe.

Articoli simili

Google Backup and Sync: la nuova versione offre maggiore stabilità

Ora è possibile sincronizzare immagini e video da Google Foto e Google Drive direttamente sui device NAS: è sufficiente effettuare il mount della periferica, scegliere la cartella di destinazione e indicare i file da trasferire.

Per chi avesse inoltre in memoria immagini provenienti dalla galleria Apple Photos, è possibile ora includere o escludere i metadati di tali fotografie, in modo da sincronizzarle o meno assieme agli altri dati. Nel complesso, Backup and Sync è evidentemente migliorato, ed i bug che affliggevano la piattaforma sembrano essere stati definitivamente corretti.

Entra sul canale Telegram !