Google ci spia? Vediamo come..

Si parla tanto e spesso a sproposito del fatto che servizi come Google monitorizzino la nostra attività sul web per carpire informazioni sulle nostre abitudini ed indirizzarci i giusti prodotti commerciali. Tutto vero: la cronologia web, i luoghi nei quali facciamo check-in e i video visualizzati ed eventualmente caricati su Youtube concorrono a creare un profilo di noi stessi che le aziende come Google sfruttano per scopi commerciali. Nell’era del web 2.0 siamo tutti univocamente rappresentati da un profilo internet e poco importa se il più delle volte il nostro io reale è sostanzialmente diverso dall’alter ego virtuale.

Se vogliamo farci un’idea della nostra attività su Google possiamo accedere all’indirizzo history.google.com e loggarci con le nostre credenziali. A questo punto potremo non solo settare le impostazioni della privacy, ovverosia scegliere di quali attività il servizio può tenere memoria e quali no, ma anche visualizzare il nostro operato recente e passato e, scorrendo la pagina fino alla fine, vedere come gli algoritmi matematici sanno capire il nostro sesso e la nostra età (più che capire sarebbe meglio stimare) in base a tale attività.

Se è vero che Google ci spia allora possiamo vedere come lo fa, in parte s’intende, e possiamo accedere all’area delle impostazioni per modificare tutti i parametri e impedire che qualsiasi nostra attività possa essere monitorata e usata a scopi pubblicitari.

Entra sul canale Telegram !

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.