Telecom vuole Metroweb per il progetto FTTH

0

C’è una società che si chiama Metroweb e che possiede migliaia di chilometri di cablaggi in fibra ottica a Milano, Torino, Genova e che punta a raggiungere altre grosse città italiane. Questa società è molto vicina a un’altra società, Sparkle, che si occupa del settore delle dorsali internazionali, vale a dire le autostrade in fibra ottica lungo le quali si definisce la bontà di questo standard e che collegano i core router strategici.

Poi ci sono due società a noi ben note, Telecom ed Enel, che vorrebbero acquisire in toto Metroweb e un consistente pacchetto azionario di Sparkle, almeno stando a quanto dicono gli addetti ai lavori. Non c’è ancora l’ufficialità ma un’ANSA di qualche giorno fa ha riportato l’interesse non indifferente del colosso delle telecomunicazioni mentre per quanto riguarda Enel ci ha pensato l’AD Starace a calmare gli animi dichiarando che il loro progetto (Enel Open Fiber, nda) può raggiungere l’autonomia anche senza l’acquisizione di Metroweb che, tra l’altro, raggiunge zone non servite dalla rete elettrica nazionale.

Tutto ciò si colloca nell’ambito del progetto Fiber To The Home che punta ad abbattere il muro prestazionale rappresentato dall’effetto collo di bottiglia nell’annosa questione dell’ultimo miglio: la rete in fibra, infatti, non arriva direttamente a casa nostra ma alla centralina più vicina dove poi viene smistata su collegamenti in rame che causano un sostanziale rallentamento. Da qui l’interesse nei confronti di Metroweb che riesce a cablare fin dentro le abitazioni.

Entra sul canale Telegram !