Windows 10 S: lo spin-off di Windows 10 è poi così sicuro?

0

Windows 10 S è una delle più recenti varianti di Windows 10, una versione “snella” dell’OS della casa di Redmond, improntata innanzitutto al cloud e agli utenti che apprezzano il settore educational. Nonostante sia stata indicata da Microsoft come una delle versioni dell’OS più stabili e resistenti ad attacchi esterni, questa particolare iterazione di Win 10 sembra essere facilmente bersagliabile: la possibilità di ottenere la privilege escalation diventando admin di sistema è stata esaminata da Hacker House, collettivo che ne ha messo in luce le vulnerabilità.

Windows 10 S: la sicurezza è una chimera?

Windows 10 S è stato posto sotto attacco in una dimostrazione proposta da Hacker House, in cui si sono ottenuti i privilegi di admin di sistema in circa tre ore, facendo leva sull’ormai “antico” sistema della DLL Injection e l’uso, incredibile a dirsi, di una macro Word per iniettare l’exploit nel sistema. Una tecnica che ormai vanta tantissimi anni di imitazioni, e che ancora apparentemente è in grado di causare problemi all’OS Microsoft. Il codice iniettato tramite la macro in questione avrebbe poi concesso a Hacker House la possibilità di modificare le impostazioni di firewall e connessioni in entrata/uscita, aprendo potenzialmente la porta a ransomware particolarmente pernicioso.

Windows 10 S: come resistere alle ondate di ransomware?

Microsoft si troverà ora nella condizione di dover irrobustire la versione di windows spin-off del più corposo Windows 10, applicando patch ai comportamenti di Word che possono configurarsi come una porta aperta all’ingresso di malware. Il braccio di ferro con il mondo del ransomware, quindi, continua anche durante l’estate: le difese implementate su Windows 10 S basteranno a contenere gli attacchi?

Entra sul canale Telegram !